Vizeat al Ferrara Sharing Festival


Dal 20 al 22 maggio 2016 si aprono le porte del Ferrara Sharing Festival, l’appuntamento organizzato da Sedicieventi interamente dedicato alla sharing economy. Di economia collaborativa si sta parlando molto, in ambienti istituzionali e non. Recentemente la sharing economy è stata oggetto di una proposta di legge che ha tentato di regolamentare un fenomeno fluido e in divenire, che sta impazzando in Italia e in tutta Europa nei settori più disparati dai viaggi ai trasporti senza dimenticare il food. Ed è proprio sull’ economia collaborativa e food che sarà incentrato l’intervento al Festival di Ferrara di Ester Giacomoni, Country Manager di VizEat, la piattaforma di social eating leader in Europa, che permette di organizzare eventi culinari a casa propria e di partecipare agli eventi proposti da altri membri della community. VizEat nasce proprio dalla voglia di condivisione e dalla volontà di invitare i viaggiatori a visitare una destinazione attraverso i consigli degli host, condividendo con loro un pasto e molte chiacchiere. La piattaforma, che permette agli host di caricare i propri eventi culinari proponendoli a turisti provenienti da tutto il mondo e alle persone locali desiderose di riscoprire la convivialità, ha festeggiato da poco il suo primo compleanno in Italia, dove l’accoglienza che le è stata riservata è stata straordinaria. Le prenotazioni sul sito sono infatti in crescita mese su mese, confermando un grande interesse verso questa nuova modalità di condivisione. E in tema di condivisione e accoglienza, VizEat presenta al Festival un progetto che ha fatto di questi due aspetti le caratteristiche distintive: le Welcome Dinner. Si tratta di un progetto pilota nato lo scorso aprile a Parigi e realizzato grazie alla collaborazione con l’ufficio del Turismo della città. I turisti possono approfittare di un pacchetto che include un aperitivo o una cena con costo massimo di 15 euro durante i quali viene fornito anche un vero e proprio benvenuto, con cartina della città, indicazioni su trasporti e principali attrazioni e altro materiale utile alla scoperta della destinazione. “Il progetto sta riscuotendo nel capoluogo francese un grandissimo successo. Le Welcome Dinner sono un ottimo modo per non sentirsi semplici turisti e vivere la città dal punto di vista dei local. Rientrano a pieno diritto nell’esigenza di autenticità di cui tanti viaggiatori sentono oggi il bisogno, anche in viaggio.” Ha commentato Ester Giacomoni “Siamo felicissimi che l’ufficio del Turismo parigino abbia intuito il valore del progetto e abbia voluto farne parte; speriamo di replicare presto questo progetto pilota, che attualmente conta a Parigi una ventina di Welcome Dinner attive, anche in altri Paesi”

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet