Vinyls, sul tavolo tre offerte d’acquisto


28 APR. 2011 – La vertenza Vinyls da tempo aspetta una svolta. Ieri sera a mezzanotte scadeva il termine per presentare, ai commissari dell’azienda, offerte d’acquisto. Ne sono arrivate tre. Fra queste vi è anche quella del fondo svizzero Gita, che da cinque mesi dice di essere pronta a una ricapitalizzazione da 100 milioni di euro. Gli svizzeri al momento hanno costituito la società Vinyls Group, apposta per rilevare la Vinyls Italia che ora si trova in amministrazione straordinaria. Ma a parte i 100 milioni che non si sono visti, la Gita non ha versato nemmeno gli stipendi arretrati agli operai.Le altre due proposte per gli impianti chimici arrivate sono quelle dei croati della Dioki e alla Igs di Varese. Quest’ultima si dice pronta a comprare solo l’impianto di Ravenna mentre i croati sarebbero interessati sia a Ravenna che a Porto Torres, lasciando così fuori dall’operazione lo stabilimento di porto Marghera.Un Comitato di sorveglianza, nominato dal Ministero dello Sviluppo Economico, scioglierà entro i prossimi tre o quattro giorni la riserva sulle tre proposte. Le buste sono state aperte questa mattina ma sulla vicenda vige il massimo riserbo. Perciò non si conoscono per ora particolari, soprattutto per quanto riguarda Gita per la quale erano state espresse perplessità nell’ultimo vertice a Roma.Quando sarà sciolto il riserbo del Ministero sarà possibile sapere con quali argomenti si sia ripresentato il fondo Gita e se Dioki e Igs abbiano apportato modifiche significative alle proposte originarie.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet