Vimi Fasteners è sbarcata a Piazza Affari


L’Emilia Romagna da oggi conta 48 aziende quotate: l’ultima entrata è la Vimi Fasterners di Novellara che ha debuttato aprendo bene su Aim Italia a 3,4 euro per azione (la parte bassa della forchetta di prezzo) dopo aver raccolto in fase di IPO domande per oltre 2,6 volte l’offerta. Il primo verdetto del Listino è stato un è+1,5%.
Un risultato positivo per Fabio Storchi, ex presidente di Federmeccanica e ora presidente di Unindustria Reggio Emilia che insieme a Aimone Storchi ha “messo a valore” oltre 50 anni di storia aziendale e di risultati positivi frutto di continui investimenti nel settore della meccanica di precisione.
Gli obiettivi della quotazione sono chiari: accelerare l’espansione, anche con altre acquisizioni, sviluppare la dimensione internazionale dell’azienda con particolare riferimento ai mercati USA e Cina, diversificare ulteriormente i settori in cui opera e rafforzare la struttura finanziaria del gruppo.
La quotazione ha portato in cassa circa 12 milioni e la capitalizzazione iniziale è di circa 45 milioni con il flottante al 26,1%
Il collocamento di azioni prequotazione è stato sottoscritto al 26% da investitori esteri qualificati.
L’azienda della famiglia Storchi è specializzata in sistemi di fissaggio ad alta tecnologia per l’industria automotive  (circa il 52% del fatturato pro-forma, mortorsport e l’aerospaziale, ma anche l’oil & gas e le energie rinnovabili.
Vimi Fasteners è stata accompagnata in Borsa da BPER Banca come Nomad e da Scouting ome Advisor.
E’ la stessa società che ha seguito con le sedi di Parma e Bologna anche l’acquisizione, completata da Vimi Fasteners appena prima della quotazione, del 100% della lombarda MF Inox.
Uno shopping preliminare che porta il fatturato pro-forma a 48,7 milioni di euro con un ebitda di 8 milioni.
La boa dei 50 milioni è più che in vista, partendo dai dati del primo semestre di quest’anno che sono decisamente positivi.
I prossimi ingressi in Borsa sono il gruppo ceramico modenese ABK, Banca Interprovinciale di Modena e IEG, l’unione tra la fiera di Rimini e quella di Vicenza, il Sigaro Toscano della famiglia Maccaferri di Bologna e sono in preparazione almeno altre cinque operazioni di quotazione.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet