ViaEmiliaDocFest, ecco i 5 finalisti


REGGIO EMILIA, 2 OTT. 2010 – Dopo oltre due mesi di permanenza sul web, 8.638 voti espressi dal pubblico e 30.000 utenti iscritti al portale, il "ViaEmiliaDocFest", primo festival on line del documentario italiano, si appresta a vivere la finale a Reggio Emilia dal 15 al 17 ottobre. A votare il miglior film del Festival, diretto da Fabrizio Grosoli, sarà una giuria composta da Andrea Gambetta di Solares Fondazione delle Arti, Sara Pozzoli, reduce dalla partecipazione alla Mostra di Venezia con "Cielo senza terra" e Greta Barbolini, distributrice e presidente nazionale Arci Ucca (Circoli cinematografici Arci). Per il momento, il ViaEmiliaDocFest, organizzato da Pulsemedia (www.pulsemedia.it) in collaborazione con i Comuni di Reggio Emilia e di Modena e della Regione Emilia-Romagna, ha comunicato i titoli giunti in finale.Sono cinque i film arrivati fino all’ultima fase. Il primo è "L’Estate Spezzata", di Vittorio Pastanella e Francesca Mozzi, una ricostruzione della strage di Bologna del 2 agosto del 1980, in testa alla classifica con 1.165 voti che gli hanno conferito anche il Premio del pubblico web. Seguono "Il suolo minacciato’ di Nicola Dall’Olio, sulla distruzione del suolo agricolo nella Food Valley parmense; "Sempre suonando il tamburo" di Giorgio Varano, viaggio attraverso le melodie del Candombe, musica proclamata dall’Unesco patrimonio culturale dell’umanità; "Ho fatto il mio coraggio" di Giovanni Princigalli, le storie d’amore e incontri per foto e procura tra gli italiani del sud e gli italiani di Montreal tra gli anni ’50 e ’60; "La guerra di Mario" di Vincenzo Caricari, storia della guerra alla ‘ndrangheta di Mario Congiusta.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet