Vertenza Dometic di Forlì, Muzzarelli scrive al Governo


FORLI’, 28 AGO. 2013 – L’iniziativa della multinazionale svedese EQT di dislocare in Cina la produzione di generatori elettrici (in prevalenza per camper) svolta negli stabilimenti Dometic di Forlì “appare discutibile nel metodo e nel merito”. Lo scrive l’assessore regionale alle attività produttive Gian Carlo Muzzarelli in una lettera inviata oggi ai ministri allo Sviluppo economico Flavio Zanonato e agli Affari esteri Emma Bonino. Muzzarelli precisa che le intenzioni della multinazionale svedese non sono state illustrate alle istituzioni e alla controparte sindacale, ma si sono tradotte in un tentativo (fallito per l’intervento dei lavoratori) di mettere tutti di fronte la fatto compiuto, smobilitando e trasferendo le attrezzature e i materiali durante il periodo di chiusura dell’azienda.EQT ha giustificato le proprie decisioni adducendo l’alto costo del lavoro e l’insostenibilità della tassazione in Italia, ma secondo le informazioni pervenute all’Assessore risulta che l’azienda presenta un conto economico positivo, dispone di un mercato solido e non ha dato segnali di crisi.“Siamo consapevoli- precisa l’Assessore – che la penetrazione nel mercato cinese possa richiedere processi di internazionalizzazione e investimenti in loco, ma riteniamo che, come dimostrano altri esempi di imprese regionali, tali processi siano compatibili con il mantenimento delle attività produttive nel nostro territorio, con la loro diversificazione e innovazione”. “Peraltro – ha aggiunto – ci pare inaccettabile la prassi dei colpi di mano, che aggiunge ai già gravi pericoli per la produzione e l’occupazione il rischio di distruggere un sistema di relazioni industriali e di alimentare crescenti tensioni sociali”.L’assessore propone quindi di aprire, con la multinazionale EQT, un tavolo di confronto in sede di Governo, dove affrontare la situazione in tutti i suoi aspetti (comprese le prospettive degli stabilimenti di Bologna e Torino di proprietà della medesima) e di segnalare al massimo livello anche del Governo Svedese, l’intenzione del “sistema Italia” di non subire passivamente i processi di delocalizzazione e internazionalizzazione.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet