A Verona la fiera del biomedicale


Si chiama “Innovabiomed-The network place for medical industry”, la nuova start-up lanciata da Veronafiere, un evento dedicato all’industria biomedicale che si svolgerà il 23 e 24 gennaio 2018 al Centro Congressi Palaexpo. E’ organizzato dall’ente fieristico veronese con il supporto di distrettobiomedicale.it. Il settore dei dispositivi medici in Italia vale oltre 10 miliardi di euro, tra presidi medico-chirurgici, dispositivi impiantabili attivi e passivi, protesi e sistemi ortopedici, apparecchiature e strumentazioni medicali e diagnostiche, stampanti in 3D. Quello dei dispositivi medici è un comparto caratterizzato da alta tecnologia e rapido tasso d’innovazione, in cui l’Italia gioca un ruolo di primo piano a livello internazionale e riguarda diverse aree scientifico-tecnologiche: dalla fisica alla meccanica, dalla biologia alla scienza dei materiali, dall’ingegneria clinica all’elettronica. Nel 2016, l’osservatorio di Assobiomedica ha censito 4.480 imprese che operano nel settore. Il 69% delle imprese e oltre l’83% del fatturato si concentrano in cinque regioni: Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio, Veneto e Toscana. Gli occupati sono 70mila. In particolare nell’area nord della provincia di Modena si trova il Distretto Biomedicale Mirandolese, quello che viene considerato il primo distretto europeo e il secondo al mondo. Anche il Veneto ha centri di eccellenza con un sistema di imprese ad elevata specializzazione tecnologica e forte impatto sul sistema regionale che coprono molti ambiti di applicazione come biotecnologia, diagnostica, dentale, materiali di consumo, ortopedia e ottica.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet