Vendita azioni Hera, Merola replica a sindacati


Merola ha replicato alle sigle sindacali, che ieri hanno scritto una lettera stigmatizzando il comportamento dell’amministrazione che ha previsto la vendita di una parte di azioni, senza prima concordarlo: “non ce n’era bisogno, quindi io vado avanti e non ho bisogno di incontrare nessuno, solo di informare, come sto facendo”. I timori dei sindacati, manda a dire il primo cittadino, “non ci sono, perchè non stiamo parlando del 51% di proprietà del Comune, ma delle azioni libere dal patto di sindacato”. Sono queste che sono destinate alla vendita e “speriamo di realizzare tra i 13 e i 14 milioni di euro, per fare investimenti sulla manutenzione, sull’edilzia scolastica, su quanto serve per la città”. Merola, quindi dice di voler “tranquillizzare e rassicurare, dato che si tratta di azioni libere, il 51% di Hera rimane pubblico”. Una volta messo in chiaro questo, il sindaco aggiunge che “se ci vogliamo incontrare, incontriamoci, ma stiamo parlando solo di questo”. Quindi, chiosa, “prima di far ripartire il trip di discussioni che non esistono, ribadisco che si vendono azioni libere. Io vado avanti e non ho bisogno di incontrare nessuno, solo di informare, come sto facendo”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet