Vendemmia, buona annata per Carpi e Sorbara


Positivi i primi dati della vendemmia. Quantità stabile, qualità superiore. È quanto emerge dal bilancio della vendemmia 2013 per la Cantina Sociale di Carpi e Sorbara. Con 400 quintali di uva prodotta, la Cantina è in linea con la produzione degli ultimi tre anni, mentre la qualità, in virtù del maggior tasso di acidità, è maggiore. “La vendemmia di quest’anno – afferma Erennio Reggiani, direttore della Cantina Sociale di Carpi e Sorbara, una realtà da 28 milioni di euro di fatturato e 1200 soci sparsi da Bologna a Mantova – non si discosta dall’andamento dell’ultimo triennio”.

Il vino, come diversi altri prodotti dell’agroalimentare, sta attraversando il calo di consumi collegato alla crisi economica, ma con un andamento specifico, come spiega il presidente della Cantina Sociale Fausto Rossi: “Il consumo di vino è in calo da un secolo ed è causato anche dal cambiamento degli stili di vita. Attraverso l’export i viticoltori sono riusciti a proseguire l’attività. Il Lambrusco, per le sue caratteristiche e per l’ottimo rapporto qualità/prezzo, è molto apprezzato all’estero”.

Così Eugenia Bergamaschi, presidente Confagricoltura Modena, sulla vendemmia 2013: “I dati indicano un’annata comunque positiva. Ancora una volta è stato giusto fare bilanci alla fine della raccolta, perché solo i dati reali, e non le previsioni, possono fotografare la situazione di un compart”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet