‘Vecchi’ manager per giovani start up


In Emilia-Romagna manager esperti, che sono momentaneamente fuori dal circuito lavorativo, affiancano le start up per sostenerle nel loro processo di crescita. E’ il frutto di un accordo tra Federmanager Bologna e Aster, consorzio della Regione per l’innovazione e la ricerca industriale. “Si tratta di uno scambio produttivo dai risvolti sociali: da un lato chi ha bisogno di imparare e crescere, dall’altro chi ha alle spalle una grande esperienza e vuole rimettersi in gioco con nuove sfide”, spiegano i promotori dell’iniziativa. Il percorso di assistenza (“Startups meet managers”), che si concludera” a febbraio, è destinato a 14 realtà innovative che operano dal 2009 nelle province di Bologna, Modena, Parma e Piacenza. L’obiettivo è aiutare i giovani imprenditori a migliorare gli aspetti organizzativi e gestionali delle loro aziende e i manager a investire le proprie competenze e la propria energia in nuovi business innovativi. In qualche caso lo stesso manager è entrato a far parte della startup che assiste. Favorire la collaborazione tra generazioni diverse di imprenditori, organizzare e ampliare i team di lavoro, sostenere l’internazionalizzazione e le idee imprenditoriali di domani e aiutarle a crescere sul mercato: il percorso rappresenta anche una sfida verso la crescita imprenditoriale del territorio. “Chi meglio di un manager – spiega Sara Monesi, responsabile dello Start Up department di Aaster – che ha lavorato in grandi imprese, in multinazionali, magari all’estero per diversi anni, può trasferire un approccio globale, manageriale e internazionale a una start up innovativa? Perchè non sfruttare gli strumenti che esistono, poco conosciuti e utilizzati, per fare diventare una start up una grande impresa?”

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet