Vacchi a Squinzi: “Contratti uguali per tutti”


CASALECCHIO DI RENO (BO), 17 SET. 2012 – "Le relazioni industriali devono trovare un percorso unitario pur nel rispetto delle diversità" in modo che gli sforzi compiuti "non siano sciupati nel nome dell’ennesima inutile battaglia delle parti". E’ quanto ha affermato sul fronte dei contratti, rivolgendosi al presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, presente in aula, il presidente di Unindustria Bologna Alberto Vacchi all’assemblea generale 2012."Caro Giorgio – ha osservato dal palco – contiamo sul tuo forte impegno per evitare che le piazze dell’Emilia siano coinvolte in un dibattito sterile frutto della non inclusione. Confrontandomi con i colleghi di Modena e Reggio Emilia – ha proseguito Vacchi – anche a nome loro ribadisco che non possiamo pensare di iniziare una discussione su contratti separati, su condizioni, diversità sul lavoro, tra un iscritto, per esempio alla Fiom, piuttosto che ad altre organizzazioni". Pertanto, ha concluso Vacchi nel suo passaggio del discorso all’assemblea, "ci vuole uno sforzo da parte di tutti: non dimentichiamoci che stiamo lavorando in piena fase d’emergenza".Prima di concludere il suo intervento all’assemblea annuale di Unindustria, Vacchi, ha poi sottolineato che "se c’è stata una seconda moratoria per le banche mi chiedo perché non possa essercene una prima sui rinnovi contrattuali". L’assemblea annuale degli industriali bolognesi è il primo appuntamento di ‘Farete’, iniziativa lanciata per far incontrare il mondo imprenditoriale felsineo alla Unipol arena.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet