Uno scippo da 1,2 milioni


BOLOGNA, 24 NOV. 2010 – Togliere alla solidarietà per dare alle scuole private cattoliche e ai giornali di partito. Questa la scelta che sta per essere presa col varo della legge Finanziaria. Buona parte delle risorse che l’anno scorso erano assegnate al cinque per mille, per il 2010 le si vuole dirottare ad altre voci di bilancio. Da 400 milioni di euro si passa a 100 milioni. Un taglio del 75% che per l’Emilia Romagna significa un milione e 200mila euro in meno in tasca alle sue Ong. A calcolarlo è Gvc, la principale organizzazione non governativa in regione. Il suo presidente, Patrizia Santillo, parla di "scelta sbagliata che suona come un ulteriore segnale di disinteresse agli squilibri che sempre più caratterizzano il mondo moderno ed il modello di sviluppo promosso anche dal nostro Governo".Il taglio è previsto nel testo della nuova Legge per la stabilità, in prossima discussione e approvazione in Parlamento. "Chiediamo l’impegno di tutti i parlamentari – prosegue Santillo – contro una scelta che non rispetterebbe neanche la volontà dei cittadini che hanno scelto consapevolmente come e a chi destinare il proprio 5xMille, mettendo in seria difficoltà un settore, quello della cooperazione allo sviluppo, che ha già subito numerosi tagli sia dal Governo italiano che dagli Enti locali".Con il 5xMille nel 2008 (ultimo anno per il quale esistono dati certi) i cittadini hanno scelto di destinare alle Ong dell’Emilia-Romagna ben 1,6 milioni di euro. Una cifra che, con il taglio del Governo, crollerebbe a 400mila euro. Una mazzata che arriverebbe dopo numerosi altri tagli: "Nel 2009 l’aiuto pubblico allo sviluppo dell’Italia si è contratto del 31%, riducendosi allo 0,16% del Pil – spiega Santillo – si tratta del livello più basso dal 2004 che pone il nostro Paese all’ultimo posto nell’Europa dei 15. L’Italia è la maggiore responsabile del mancato raggiungimento dell’obiettivo europeo per l’aiuto allo sviluppo dello 0,56% sul PIL, con 40% dell’ammanco europeo rispetto a quanto promesso nel 2005".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet