Unipol e UnipolSai: utili in linea


Il gruppo Unipol ha chiuso i primi nove mesi dell’anno con una perdita di 229 milioni di euro, causata dalle rettifiche su crediti di Unipol Banca che hanno pesato per 780 milioni sul risultato del periodo. Al netto degli accantonamenti, si legge in una nota, il gruppo registra un utile di 551 milioni, rispetto ai 439 milioni del 2016. La raccolta cala del 21,1%, a 8,78 miliardi. La flessione è tutta nel vita (-42,5%) mentre la raccolta danni è invariata. Unipolsai ha chiuso i primi nove mese dell’anno con un utile di 430 milioni, in linea con i 427 milioni dell’esercizio precedente, nonostante la ristrutturazione del comparto bancario, che ha pesato per 105 milioni sui risultati della controllata del gruppo Unipol. Al netto di tali impatti, si legge in una nota, l’utile sarebbe salito del 25,5% a 536 milioni. La raccolta assicurativa si è attestata a 7,8 miliardi di euro, con premi stabili a 5,1 miliardi nel ramo danni e in calo del 31,4% nel vita. Il gruppo presenta un indice di solvibilità su base individuale al 243% e consolidato sul capitale economico al 206%. La raccolta nel ramo danni si è attestata a 5,6 miliardi, con un combined ratio, indicatore della gestione tecnica, pari al 96,4%, in peggioramento rispetto al 95% dello stesso periodo del 2016. Il risultato ante imposte è stato positivo per 539 milioni rispetto ai 470 milioni del 2016. Nel vita, che registra un utile prima delle tasse di 288 milioni (279 milioni nel 2016) e premi per 3,2 miliardi, il calo della raccolta è da mettere in relazione, in un contesto di tassi bassi, alla “scelta strategica di limitare i flussi di prodotti tradizionali con rendimento legato alle gestioni separate, orientando l’offerta su prodotti multiramo e linked”. Il comparto bancario chiude con un rosso prima delle tasse di 941 milioni, dopo rettifiche su crediti per 945 milioni. La gestione degli investimenti finanziari ha conseguito una redditività lorda del portafoglio assicurativo del 3,8%, in crescita rispetto al 3,6% di un anno fa. Il margine di solvibilità consolidato basato sul capitale economico è pari al 158%, rispetto al 161% di fine 2016.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet