Unipol, la fusione con Fonsai procede. Vola il titolo


BOLOGNA, 6 FEB. 2012 – Sospesa dagli scambi, poi riammesso, per il titolo Unipol è un lunedì da leone in Borsa. Più 30,33% segnano le sue quotazioni a fine giornata. A contribuire al rialzo il fatto che siano giù pronti per la compagnia con sede a Bologna e per la Fonsai della famiglia Ligresti i consorzi di garanzia per i rispettivi aumenti di capitale da 1,1 miliardi ciascuno. Fonsai, anch’essa messa in asta di volatilità, ha poi chiuso con un +31,32%, Premafin con un +24,06%.Otto banche si sono giù messe a disposizione per partecipare al consorzio di garanzia per le ricapitalizzazioni dei due importanti gruppi assicurativi. Si tratta di Barclays Capital, Credit Suisse, Deutsche Bank, Mediobanca, Morgan Stanley, Nomura, UBS Investment Bank e UniCredit Corporate & Investment Banking. A riferirlo è una nota congiunta di UGF e Fondiaria-Sai. Nel comunicato si spiega che tali istituti parteciperebbero "in qualità di Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners, a condizioni in linea con la prassi di mercato, successivamente alla soddisfacente analisi del progetto di integrazione – al consorzio per i suddetti aumenti di capitale". L’adesione di UniCredit Corporate & Investment Banking, precisa la nota, è condizionata al completamento del processo necessario per l’ottenimento delle autorizzazioni da parte dei competenti organi interni.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet