Unipol, possibile aumento quota in Bper


Il gruppo Unipol continua ad acquistare azioni UnipolSai e sale sopra il 70% del capitale della controllata assicurativa, consolidando il suo controllo anche sull’assemblea straordinaria della società. E il gruppo Unipol potrebbe aumentare la sua quota in BPER, attualmente pari al 5% del capitale. “Valuteremo” ha detto l’a.d del gruppo Unipol, Carlo Cimbri, a margine dell’assemblea della controllata UnipolSai. La normativa, ha ricordato, consente di salire fino al 10% del capitale senza autorizzazioni. Intanto il gruppo Unipol continua ad acquistare azioni UnipolSai e sale sopra il 70% del capitale della controllata assicurativa, consolidando il suo controllo anche sull’assemblea straordinaria della società.
Rispondendo ai cronisti Cimbri ha spiegato che il gruppo Unipol va avanti sul progetto di creazione di una bad bank e intende separare la attività in bonis di Unipol Banca dal portafoglio crediti deteriorati “entro quest’anno”. Per questo Unipol potrebbe cercare partner anche nella gestione degli Npl. “Stiamo discutendo con tanti soggetti e operatori” ha detto Cimbri giudicando “sbagliata” una cessione “one shot”, cioè in blocco, delle sofferenze a “un operatore specializzato”. “Ci mettiamo nella migliore posizione per valutare con serenità l’opzione”, ha concluso.
Unipolsai ha chiuso il 2016 con un utile consolidato pari a 527 milioni di euro in calo rispetto i 738 del 2015. In calo anche il dividendo che passa da 15 centesimi a 12 centesimi e mezzo.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet