Unioncamere, macro area da 635 miliardi di Pil


Oltre 625 miliardi di Prodotto interno lordo, davanti a Paesi quali Turchia, Paesi Bassi e Svizzera, una ricchezza creata pari al 5 per cento di quanto realizzato dall’intera Unione Europea. Più del 40 per cento del Pil nazionale, il 54 per cento di quanto prodotto dall’industria manifatturiera, il 55 per cento dell’intero export italiano. Questi pochi dati fanno comprendere la rilevanza economica che avrebbe una macro-area composta da Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. Va in questa direzione, l’accordo che giovedì 19 febbraio sottoscriveranno le Unioni regionali delle Camere di commercio di Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, con l’obiettivo di aiutare l’economia a cogliere le opportunità offerte da una dimensione territoriale più ampia e da una integrazione di forze e strategie. E’ un patto operativo al servizio delle imprese, una macro-area funzionale, che punta a raccogliere sfide comuni attraverso un’azione condivisa in grado di valorizzare le eccellenze.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet