Unioncamere E-R,calano imprese giovanili in regione


Calano le imprese giovanili in Emilia-Romagna. A fine giugno sono risultate 28.790, pari al
7,1% delle imprese regionali, la quota più bassa tra le regioni italiane. In un anno la perdita è di 1.035 imprese pari al 3,5% mentre le altre imprese sono diminuite dello 0,2%. E’ quanto emerge dai dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio elaborati da Unioncamere Emilia-Romagna. Guardando ai singoli settori, spiega una nota, crollano le imprese delle costruzioni (-634 unità, -10,1%); l’andamento negativo nei servizi è più marcato nel settore del commercio
(-393 imprese, -5,1%) e decisamente lieve nell’aggregato di tutti gli altri settori dei servizi (-51 imprese, -0,4%), mentre la perdita nell’industria è più contenuta della media (-47 unità, -2,2%). In crescita invece, le imprese giovanili attive nell’agricoltura, silvicoltura e pesca (+90 imprese, +4,1%). Quanto alla forma giuridica delle aziende la riduzione è da attribuire alla flessione delle ditte individuali (-991 unità, pari a -4,3% mentre appaiono in crescita le società di capitale (+201 unità, +4,7%).

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet