Unimpresa contro anatocismo


“Il ritorno dell’anatocismo è una seria minaccia per il credito delle aziende: perché aumenterebbe gioco-forza il costo del denaro chiesto in banca e già concesso con il contagocce. Gli interessi sugli interessi, inseriti a sorpresa in un provvedimento del governo, appesantirebbero un comparto, quello della liquidità per le imprese, dove i tassi arrivano già oggi al 24%. Forse non basta alle banche?”. Lo dichiara il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi, a proposito della norma inserita nel decreto legge imprese all’esame della Camera. “Serve un passo indietro – aggiunge Longobardi – e siamo certi che la misura sarà cancellata nel corso dell’iter parlamentare. Se la necessità era quella di fare chiarezza, è stata scelta la strada sbagliata, l’ennesimo regalo alle banche”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet