Unimore è più fortedella crisi


MODENA, 29 GIU. 2012 – L’Università di Modena e Reggio Emilia è più forte della crisi. Mentre a livello nazionale il numero dei laureati che dopo un anno trovano lavoro è calato nel 2011 dell’1,5 per cento, qui il dato è in controtendenza: + 1,7. Un tasso di occupazione del 69,5 per cento che pone l’Ateneo al sesto posto in Italia e al primo in ambito regionale. E che va di pari passo con il fatto che solo uno studente su dieci è ancora senza lavoro. Lo rivela il Sedicesimo Rapporto Almalaurea sulla condizione occupazionale dei laureati italiani, che è stato presentato oggi a Modena alla Facoltà di Giurisprudenza.Chi trova più rapidamente lavoro sono i laureati in Ingegneria, dove la disoccupazione, dopo un anno, è praticamente sconosciuta. Ma anche in facoltà con un mercato più difficile, come Scienze della Formazione o della Comunicazione gli occupati rappresentano rispettivamente l’88 e il 74 per cento. E’ tra l’altro in costante calo il lavoro nero, a beneficio di contratti di formazione e apprendistato e del lavoro stabile.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet