Unimore e Bosch Rexroth Oil per l’innovazione


Sviluppare insieme progetti di ricerca, collaborare per l’alta formazione e l’aggiornamento dei tecnici del gruppo, portare in azienda gli studenti per visite formative ma anche per stage e tirocini. È una vera e propria alleanza per l’innovazione quella che Bosch Rexroth Oil Control e Unimore hanno sottoscritto a Nonantola. Un Protocollo d’intesa di durata quinquennale che, attraverso le firme del Rettore Unimore Angelo O. Andrisano, del Vice Direttore del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” – DIEF Luigi Rovati e dell’Amministratore Delegato Bosch Rexroth Oil Control Matthias Aberle, pone le basi per una sinergia ottimale tra impresa ed Ateneo. Il gruppo Oil Control, acquisito ormai 10 anni fa dalla divisione Rexroth della Bosch, è leader nella progettazione, produzione e commercializzazione di componenti e sistemi oleodinamici compatti con diversi stabilimenti a Nonantola, Modena, Pavullo nel Frignano e Vezzano sul Crostolo (Reggio Emilia). Attualmente conta oltre 1.300 dipendenti e vanta un fatturato superiore ai 150 milioni di euro. Nonostante il contesto macroeconomico non favorevole, è prevista un’ulteriore crescita nei prossimi anni. L’impresa dispone di strutture di ricerca e sviluppo e di competenze industriali che può mettere a disposizione dell’Università. Alla base delle buone performance fin qui ottenute il connubio tra il profondo e consolidato know-how ed i valori che Bosch infonde all’interno di tutte le aziende facenti parte del Gruppo: l’orientamento al futuro ed alla redditività, la trasparenza e la fiducia, la qualità ed affidabilità garantita dei prodotti in un contesto pluriculturale dove la diversità è la normalità.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet