Una pastasciuttata al Museo Cervi, 66 anni dopo


REGGIO EMILIA, 22 LUG. 2009 – Il mondo degli umili, dei contadini, è protagonista in questi giorni al Museo Cervi, che dal 15 luglio sta opsitando, grazie alla preziosa collaborazione della Cooperativa Boorea, la 16° Edizione del Museo Sotto le stelle. Un appuntamento ormai consueto, che attraverso il teatro mette in scena le radici della nostra cultura, della nostra società, accompagnandolo talvolta con canti di lavoro, canti di protesta e mettendo in luce quanto ancora ci colleghi ai nostri antenati e al mondo naturale che ci circonda. Storia, tradizione e natura sono quindi gli ingredienti del festival che si concluderà nell’anniversario di una data simbolica: il 25 luglio, che ricorda il 25 luglio 1943, quando Mussolini venne fatto arrestare dal Re e i fratelli Cervi offrirono una pastasciutta ai compaesani per festeggiare. L’Istituto Alcide Cervi vuole ricordare così l’avvenimento: offrendo una pastasciutta al sempre più numeroso pubblico del 25 luglio. Un giorno pacifico di gioia, di manifestazioni spontanee, espressione di un antifascismo diffuso, spesso nemmeno conscio, che voleva la fine della guerra, della fame e della paura.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet