Un viaggio virtuale sui luoghi delle stragi naziste


26 APR 2009 – Le migliori tecnologie del presente per non dimenticare le tragedie del passato. Con questo spirito è stato lanciato il progetto "Monte Sole in 3D", ideato dal settore cultura del Comune di Bologna, con i contributi di Cineca e Fondazione Villa Ghigi, e la collaborazione del Parco storico Monte Sole.Un’applicazione multimediale, che sarà messa on line ai primi di giugno, permetterà di visitare i luoghi dell’eccidio di Marzabotto e la quotidianità nelle valli bolognesi del Reno e del Setta, lungo la linea Gotica, nel periodo tra il settembre ’43 e l’aprile ’45.L’elaborazione grafica ha preso avvio dall’analisi fedele di cartografie della metà del Novecento e di foto aeree scattate dagli alleati durante le perlustrazioni e i bombardamenti. Sarà possibile visitare quei luoghi come apparivano allora e come appaiono oggi, in un percorso-visita "in soggettiva". Durante il viaggio virtuale sarà possibile inoltre accedere al database con le notizie biografiche sui caduti partigiani e le vittime civili (attualmente ne sono state raccolte 1.104), sugli eventi bellici e non (277, circa l’80 per cento del totale), sulle brigate partigiane come la Stella Rossa e i corpi militari, le testimonianze audio-video (sono 262) e infine tutti i luoghi, con 736 toponimi che compongono il 40 per cento del totale delle località interessate.Un viaggio che fa comprendere l’importanza strategica di quelle terre, le posizioni dei tedeschi e le azioni compiute dai partigiani allo scopo di conservare e diffondere la memoria di quegli anni.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet