“Un Po di musica”, concerti sulla riva del Grande Fiume


BOLOGNA, 26 MAG. 2009 – Tanti concerti sotto le stelle, sulla riva del Grande Fiume. Dopo il successo della prima edizione nel 2008, torna anche quest’anno la festa di "Un Po di Musica". Dal 30 maggio al 28 giugno sono in programma oltre una cinquantina di eventi fra concerti, spettacoli, opere liriche, escursioni in barca, enogastronomia, escursioni guidate in bicicletta o a piedi nei territori bagnati dal fiume di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Ferrara. Per un mese il Po si trasformerà in un fiume di musica, danze, battimani e gente di tutte le età, come succede in altri angoli del mondo: dal Mississippi al Danubio. Scorrendo il calendario, spiccano gli appuntamenti clou, condotti da Red Ronnie che quest’anno firma anche la direzione artistica. Il 30 maggio, serata inaugurale a Guastalla, in provincia di Reggio, con il "Pianoforte sul fiume" di Dolcenera, il flauto di Andrea Griminelli e il rock’n roll di Matthew Lee. L’1 giugno a Sissa, nel Parmense, arriverà uno scatenato "Fiume di chitarre" e a pizzicare le sei corde ci saranno importanti chitarristi del rock contemporaneo. E allora, nella lunga notte delle chitarre, ecco Maurizio Solieri, il chitarrista di Vasco Rossi, Max Cottafavi, musicista di Ligabue, Ricki Portera, che ha accompagnato Lucio Dalla e gli Stadio, e Davide Cesareo, collaboratore di Elio e le Storie Tese, oltre alla Formula 3 con Alberto Radius. Attesissimo anche un artista, considerato fra i più interessanti chitarristi sulla scena internazionale in questo momento: Francesco Buzzurro. Gran finale nella notte magica del 27 giugno nel Delta del Po, sotto il castello di Mesola con Enrico Ruggeri e la Big Band del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara. Tutti i concerti sono a ingresso gratuito e cominceranno alle ore 21. Fra tanto rock e musica classica, non manca poi anche un appuntamento con la lirica. Il 21 giugno a Piacenza, nella scenografia rinascimentale del cortile di Palazzo Farnese andrà in scena la Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti, in collaborazione con gli amici della Lirica di Piacenza, con la partecipazione dell’Accademia di danza Domenichino da Piacenza e con l’Orchestra Filarmonica di Mantova e il Coro Filarmonico di Piacenza. "Un Po di Musica", cofinanziato dal Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo della Presidenza del Consiglio, è organizzato dall’Assessorato Turismo della Regione Emilia-Romagna nell’ambito del progetto interregionale "Valorizzazione turistica Fiume Po", in collaborazione con le Province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Ferrara, Apt Servizi Emilia-Romagna e Comuni del Po. La scommessa della manifestazione è quella di accendere i riflettori su un territorio, quello del Po appunto, fino ad ora poco battuto, eppure di forte suggestione. In queste ultime stagioni, per riqualificare le zone bagnate dal fiume, la Regione ha investito 6 milioni di euro fra pontili, attracchi, piste ciclabili, segnaletica, collegamenti via acqua. "Un Po di Musica" è il primo grande viaggio musicale italiano per scoprire l’anima del Re dei corsi d’acqua italiani. Un’ottima occasione, quindi, per scoprire queste terre piene di poesia fra tramonti sull’acqua, navigazioni a ritmo lento, pedalate fra i pioppeti, birdwatching per avvistare le famigliole di fenicotteri rosa sul delta del Po, passeggiate in golena. A disposizione del pubblico ci sono offerte e pacchetti turistici. Per saperne di più c’é anche un sito: www.unpodimusica.it.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet