Un miliardo di europer la cassa in deroga


Imu rinviata a settembre, mentre per il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga saranno destinate risorse per un miliardo di euro. È quanto emerge dal decreto discusso e approvato dal Consiglio dei ministri questa mattina, sbloccando le due questioni. Un primo importante passo per il Governo Letta, che così dà le prime risposte che riguardano famiglie, imprese e lavoratori. “Per il rifinanziamento della cassa integrazione un miliardo di euro tondo, coperto con i fondi per la produttività”. Così Enrico Letta, smentendo le voci che questa mattina davano il rifinanziamento per soli 496 milioni di euro. Un tassello importante quello delle risorse destinate al rifinanziamento degli ammortizzatori sociali, in assenza delle quali rischierebbero di rimanere privi di copertura economica, solo a Modena, 5mila lavoratori (500mila circa a livello nazionale). Sul fronte Imu, invece, il provvedimento governativo fissa lo stop al pagamento della rata di giugno della tassa sulla prima casa e gli alloggi popolari fino al 16 settembre. Questo per il solo comune di Modena, significherebbe un ammanco di circa 10 milioni di euro, che tuttavia sarebbero incassati più tardi. Diverso lo scenario in caso di abolizione della tassa, che determinerebbe, sempre per il comune di Modena, una perdita di ben 21 milioni di euro. Il Governo, tuttavia, fa sapere che se entro il 31 agosto non verrà adottata una riforma complessiva della tassazione sulla casa si tornerà nuovamente a pagare.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet