Un liceo di Modena nello spazio


©Trc-TelemodenaMODENA, 4 GIU. 2010 – La nuova sonda spaziale è pronta. Realizzata, con tecnologie all’avanguardia, dalla European Space Agency, in collaborazione con NAROM, l’agenzia spaziale norvegese. Ma nel team compare anche il liceo Tassoni di Modena, pronto ad inserire la sua microsonda “naif” all’interno del razzo che decollerà da Andenes, base antartica norvegese, a metà agosto. Il Tassoni è infatti una delle undici scuole europee, l’unica italiana, ad inserire il proprio progetto scientifico nel missile Intruder pronto ad essere spedito nello spazio."Questa sonda è composta in parte da attrezzature che ci sono state fornite, e che sono un sensore di temperatura e un sensore di pressione – spiega Tommaso Calzolari (nella foto) della 5a A -, il nostro compito è stato di integrare diversi elementi: abbiamo messo un sensore di accelerazione con il quale calcoleremo l’accelerazione e la velocità che la sonda raggiungerà lanciata dal razzo. Inoltre misureremo l’altezza alla quale arriverà la sonda".L’obiettivo è di misurare l’altezza massima di volo raggiunta con uno strumento grande quanto una lattina. Anzi, contenuto in una lattina. E pronto a comunicare con la Terra attraverso le apparecchiature fornite dall’associazione radioamatori. Anche Coop Bilanciai ha dato un’importante mano nei lavori, già visibili sul sito dell’ESA: www.esa.int. Per i ragazzi, oltre alla gloria, un bel premio per l’estate. Mancano pochi mesi, dunque, prima che Modena mandi un liceo nello spazio.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet