Un flash mob per sostenere l’agricoltura


Hanno scelto di denunciare i gravi problemi del comparto con un Flash Mob, manifestazione-lampo, dandosi appuntamento sulle colline bolognesi, proprio su quei terreni dove l’agricoltura, oggi, è sempre più difficile e meno competitiva. Sono coltivatori, allevatori, frutticoltori ma anche esportatori di vini, salumi e formaggi, di eccellenze Dop e Igp. Invocano sostegno al settore primario e all’agroalimentare italiano, uniti da un grido di protesta-provocazione: “Non esiste territorio senza agricoltura: cosa accade se i produttori abbandonano la terra?”. Un’eventualità sempre più probabile alla luce delle scelte politiche sbagliate e delle troppe e ingiuste tasse (in primis l’IMU, applicata anche in maniera retroattiva), che rischiano di affossare l’agricoltura. Il primo Flash Mob per l’agroalimentare italiano, promosso da Agrinsieme Emilia Romagna – il coordinamento di Confagricoltura, Cia, Fedagri-Confcooperative, Agci-Agrital e Legacoop Agroalimentare che conta in regione oltre 40mila imprese associate – si terrà venerdì 20 marzo, alle ore 12, presso l’azienda agricola Tizzano (via Antonio Marescalchi 6, Casalecchio di Reno – Bo).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet