Un’altra giornata di turbolenze a Piazza Affari


6 AGO. 2011 – Dopo un lunedì disastroso, la Borsa di Milano tenta un difficile rimbalzo. Alle 11:25 l’indice Ftse Mib segna un timido +0,82%. Piazza Affari continua comunque a fare peggio di Parigi e Francoforte. Sotto pressione sono ancora i titoli di debito pubblico italiani. Col differenziale fra Btp decennali e bund tedesco che tocca prima quota 380 per poi ripiegare sotto i 360. A farsi sentire è soprattutto l’attesa della riapertura dei lavori al Senato sulla manovra. Il provvedimento non convince affatto l’Europa, il cancelliere Angela Merkel ha paragonato il caso italiano a quello greco. Come se non bastasse l’agenzia Moody’s parla di possibile declassamento del rating sul nostro Paese. Una situazione che si riassume in una due parole: rischio default.RINCARO DEI CARBURANTINonostante il prezzo del petrolio vada ancora giù, sotto gli 84 dollari al barile, il prezzo dei carburanti va su. Oggi l’Eni aumenta di quasi un centesimo il costo della benzina e del gasolio. In media la verde in Italia costa più di 1,60 al litro, il gasolio invece si avvicina all’euro e mezzo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet