Ultimi giri per la Romagna Ruote


FERRARA, 8 GEN. 2010 – Macchinari in funzione alla Romagna Ruote di Ferrara e operai al lavoro. Tutto sembra girare come in una normale giornata di produzione. Ma l’ordinativo di duemila cerchioni da parte di Fiat sarà presto completato e così anche quella sola parvenza di ripresa delle attività terminerà. L’azienda è a rischio chiusura, con 195 dipendenti prossimi disoccupati. Lavoratori che sono in presidio permanente davanti allo stabilimento dal 10 dicembre e che aspettano col fiato sempre più sospeso ogni segnale positivo sul loro futuro. Le prossime ore sono infatti decisive. Il 22 gennaio scade il termine per la cessione dello stabilimento e la speranza è che una cordata di imprenditori si faccia viva per salvare l’azienda, attualmente in stato di commissariamento giudiziale.L’amministratore straordinario Giovanni Bertoni ha parlato dell’esistenza di un gruppo interessato all’acquisto e di una proposta che sarà esaminata dal ministero dello Sviluppo economico. La cordata, della quale Bertoni ha già parlato con Comune e Provincia, deve presentare entro lunedì un piano industriale che sia migliorativo della prima proposta avanzata sul punto occupazione, un’ipotesi che parlava di mantenere in organico circa un’ottantina di dipendenti su 195. Meno della metà insomma. Le speranze animano anche i sindacati che vogliono però difendere il livello occupazionale. “Tutto dipenderà dal progetto industriale che questi nuovi imprenditori intendono attuare, se si implementeranno i volumi, sicuramente c’è la possibilità di avere una ripresa occupazionale produttiva”, dice Mario Nardini segretario della Fiom di Ferrara. Lo stabilimento di via Castelbolognesi dal 1979 produce cerchi in lega leggera per le case automobilistiche di tutta Europa. I suoi impianti sono tecnologicamente avanzati, specie il reparto verniciatura. “Se questa cordata ci assumesse, scaglionando le entrate e utilizzando gli ammortizzatori sociali, sarebbe una soluzione gradita”, è l’auspicio di Alberto Mazza rappresentante sindacale unitario.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet