Tuttofood celebra anche l’Emilia Romagna


BOLOGNA, 24 MAG. 2013 – L’Emilia Romagna ha partecipato con 16 aziende al Tuttofood – World Food Exhibition, che si è apprna concluso a Milano. Obiettivo di Cna Alimentare è stato rafforzare la competitività delle imprese artigiane del settore e favorire uno sbocco commerciale sui mercati esteri. Ma essere anche, al tempo stesso, al fianco dei propri associati creando opportunità e fornendo loro strumenti concreti che puntano ad aggregare l’offerta e far conoscere il prodotto di alta qualità nel mondo."We love italian food", questo il claim dell’iniziativa che ha visto coinvolte imprese del dolciario e della cioccolateria, dei liquori tradizionali, del vino, del pane artigianale, del vino dei colli bolognesi, tortellini modenesi e dei salumi e formaggi; vero fiore all’occhiello di questa terra che è tra i leader a livello mondiale delle DOP e IGP comunitarie.Forte l’interesse riscontrato da parte di buyers nazionali ed internazionali provenienti da tutto il mondo, che hanno potuto degustare prodotti ancora poco o per niente conosciuti all’estero tra cui il Parmigiano Reggiano di montagna , il formaggio di fossa, lo squacquerone di Romagna, fiocco e culatello, vere eccellenze del territorio regionale; prodotti tradizionali, frutto della sapienza di piccole imprese capaci di grandi risultati, che incantano il palato dei turisti ma faticano ancora ad affermarsi all’estero.Quattro giorni di manifestazione che hanno registrato un’affluenza record di visitatori, oltre 50.000 operatori professionali certificati, con un incremento di quelli esteri del 40% (provenienti da 122 Paesi) e del 20% di quelli italiani. “E i primi feed-back dalle nostre imprese – commenta Catia Guerrini presidente regionale di CNA Alimentare – sono più che positivi e segnalano una buona soddisfazione per la presenza di buyer qualificati”.Il principale interesse verso le produzioni tipiche regionali, è venuto da operatori provenienti dall’Unione Europea (Francia e Belgio in particolare), dal Giappone, così come dagli USA, Sud America, Australia e Nuova Zelanda. La tipologia di operatori, invece, è stata piuttosto diversificata: dettaglianti, GDO e società di import export.Caseificio Pascoli, Latteria del Monte Cimone, Il forno di Levizzano, I sapori del Borgo Antico, Modigliantica, Note balsamiche, La corte di Raffaello, I due aironi, Il mallo, Pregio, Il sottobosco, Salumificio Colli, Salumificio Vecchi, queste le imprese che hanno partecipato all’iniziativa che ha visto, tra l’altro, il sostegno della Regione Emilia-Romagna, servizio artigianato.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet