Il turismo vola in Emilia Romagna


Turismo regionale col segno più, nei primi nove mesi dell’anno, rispetto alla già ottima performance registrata nel 2015. Per il periodo gennaio-settembre, i numeri parlano di 44,6 milioni di presenze e 8,8 milioni di arrivi, rispettivamente +1,7% e +2% sullo stesso periodo dell’anno scorso.

Se poi si tiene conto anche dei flussi generati dai nuovi comparti turistici, non compresi all’interno dei tradizionali percorsi Riviera, Terme, Città d’Arte e Appennino e dati non presenti nelle statistiche 2015 (esempi in questo senso sono Sassuolo e Imola, che propongono nuovi prodotti turistici, come Ceramic Land), si arriva a 47,5 milioni di presenze e 10 milioni di arrivi nei primi nove mesi del 2016 quando in tutto il 2015 si registrarono 46 milioni di presenze e 8,8 milioni di arrivi.

Secondo Andrea Corsini, assessore regionale al Turismo, “i risultati premiano il virtuoso lavoro di squadra tra Regione, Apt Servizi Emilia-Romagna e Comuni sui fronti della comunicazione e del marketing, e quello degli operatori privati sulla promo-commercializzazione e riqualificazione dell’offerta. Siamo già all’opera sulle attività di promozione turistica del 2017 e rafforzeremo quelle azioni, come l’attività sui mercati di lingua tedesca avviata nell’estate 2016, che hanno contribuito ai positivi risultati registrati tra gennaio e settembre di quest’anno”. E ancora non è partita la prossima stagione invernale.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet