Turismo, botta e risposta tra Federalberghi e Airbnb


Il portale Airbnb, ad agosto 2016, poneva in vendita in Italia 222.786 strutture (erano solo 234 nel 2009). Lo rileva Federalberghi in un monitoraggio presentato in apertura del TTG Incontri a Rimini sottolineando che si tratta di una crescita esponenziale alla quale non fa seguito “una significativa variazione del numero di attività ufficialmente autorizzate” (le strutture extralberghiere censite dall’Istat erano 104.918 nel 2009, oggi sono a quota 121.984). Il picco a Roma con 23.889 alloggi e a Milano con 13.200.
Replica a Federalberghi, host italiano affitta 26 giorni l’anno

Airbnb ribatte all’attacco di stamattina di Federalberghi che parlava di troppi affitti abusivi sul portale. “È frustrante – dice all’ANSA – anche se non del tutto sorprendente, vedere continuamente attacchi contro nuove forme di turismo che consentono ai cittadini di integrare il proprio reddito e di ampliare il numero di turisti nel nostro paese. Il tipico host di Airbnb in Italia guadagna 2.300 euro
condividendo i propri spazi per 26 giorni all’anno. Lo scorso anno sono stati ospitati più di 3,6 milioni di viaggiatori, generando un impatto economico pari a 3,4 miliardi”.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet