True Italian Taste e il biologico


Oltre 900 incontri ‘b2b’, 113 imprese agroalimentari della regione e 30 importatori e distributori esteri provenienti dall’Europa, dagli Stati Uniti, dal Canada e dal Messico. “True Italian Taste”, evento coordinato da Assocamerestero con il supporto di 21 Camere di Commercio italiane all’estero ha fatto incontrare aziende e buyer. Focus sul biologico: in Emilia Romagna, lo scorso anno anno, le superfici coltivate sono aumentate del 20%. Negli incontri tra aziende e distributori anche uno scambio di informazioni per proteggere i prodotti e contrastare l’Italian Sounding.

“È certamente significativo – afferma Alberto Zambianchi, Presidente di Unioncamere Emilia-Romagna – che il progetto abbia trovato una adesione convinta e numerosa da parte delle aziende produttrici emiliano-romagnole del settore agroalimentare, al punto che è stato necessario ampliare il numero delle sessioni degli incontri di affari con i buyer selezionati, sessioni che poi si sono svolte con ritmi intensi.
Il workshop ha presentato così una offerta articolata e differenziata per produzioni e provenienza provinciale, a dimostrazione dell’alto livello delle nostre imprese, in particolare nel settore del biologico, che è quello al quale in questo momento viene riservata grande attenzione”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet