Troppa pubblicità uccide


in collaborazione con Teleromagna27 GEN. 2009 – I rilievi effettuati dalla polizia autostradale lo hanno nettamente messo in evidenza: molti degl’incidenti accaduti sul tratto riminese dell’A14 hanno alla base la distrazione dei conducenti a causa dei numerosi cartelli pubblicitari posizionati, molto spesso in modo illegittimo, nei terreni adiacenti alla sede autostradale. Un problema che interessa l’intera rete autostradale italiana, ma che sul territorio riminese è stato affrontato in modo deciso dalle autorità. E’ infatti iniziata questa mattina da parte della polizia stradale, la rimozione dei cartelloni pubblicitari abusivi, perché a rischio distrazioni, posti ai lati dell’autostrada A14 nel tratto riminese. Si tratta di circa 60 cartelli posizionati accanto alle corsie sud e nord tra Cattolica e Rimini nord. Un’ordinanza prefettizia del 30 dicembre, firmata dal prefetto di Rimini Vittorio Saladino, ne aveva constatato la pericolosità in quanto fonte di distrazione per gli automobilisti, ordinandone quindi la rimozione. Sanzioni di poco superiori ai 4 mila euro sono perciò scattate nei confronti di chi ha realizzato i cartelli, dell’agenzia pubblicitaria e dei proprietari dei terreni in cui si trovano. La rimozione proseguirà per circa due-tre settimane fino al completo smantellamento. Ora si attende che altri prefetti, così come ventilato dai diretti interessati, assumano la medesima decisione sui territori di loro competenza.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet