Il tribunale di Bologna tutela il balsamico


Un ulteriore passo avanti nella tutela della DOP ‘Aceto Balsamico Tradizionale di Modena’ e, più in generale, delle DOP e IGP, è stato segnato da una recente ordinanza della sezione specializzata in materia d’impresa del Tribunale di Bologna. Lo sottolineano, in una nota, il Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena e il Consorzio Tutela Aceto Balsamico di Modena, che salutano con favore il risultato positivo conseguito. “Ma questo è solo un primo passo – afferma il Presidente del Consorzio dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Enrico Corsini – ora infatti il procedimento di merito dovrà fare il suo corso fino a giungere alla sentenza di primo grado che probabilmente arriverà solo alla fine del prossimo anno”. “Questo primo orientamento del Giudice bolognese, seppur nella sua provvisorietà, è una ottima conferma di quanto già statuito lo scorso anno dai tribunali tedeschi – aggiunge il Direttore del Consorzio Tutela Aceto Balsamico di Modena Federico Desimoni – ora confidiamo che anche la giurisprudenza italiana possa consolidarsi su tale posizione. Se così fosse, i beneficiari saranno, non solo i produttori di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena e di Aceto Balsamico di Modena, ma tutto il comparto delle DOP e IGP italiane che vale al consumo oltre 12 miliardi di euro”.

Il tribunale di Bologna ha confermato la sanzione a un imprenditore che usava impropriamente la denominazione balsamico

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet