Tre proiettili in una bustaper la leader di Cna Fita


BOLOGNA, 6 APR. 2012 – Una busta contenente tre proiettili, unitamente ad una lettera di minacce rivolte alla presidente nazionale di CNA FITA Cinzia Franchini e al responsabile provinciale della stessa associazione degli autotrasportatori di CNA, Mirko Valente, è stata recapitata ieri negli uffici di Modena. Un atto che segue altre minacce, telefonate anonime, manifesti offensivi, tutti  episodi verificatisi nelle scorse settimane.Cinzia Franchini ha, negli ultimi tempi, denunciato apertamente sia infiltrazioni malavitose all’interno del settore dell’autotrasporto, sia atteggiamenti assunti da parte di gruppi e associazioni di settore che in realtà poco avevano a che fare con l’autotrasporto, tutti tesi a destabilizzare un già difficile contesto economico. “Non a caso – spiega Paolo Govoni presidente regionale di CNA Emilia Romagna – la nostra Confederazione e Cinzia Franchini in prima persona si sono schierati contro la cosiddetta rivolta dei forconi così come contro il fermo dei TIR dello scorso mese di gennaio, proprio all’insegna di un dialogo con il Governo, che come dimostrano i risultati ha portato a soluzioni importanti quali la possibilità di richiedere anticipatamente il rimborso delle accise sui carburanti". "Nell’esprimere a Cinzia Franchini tutta la solidarietà di CNA – prosegue Govoni –  voglio ribadire come la nostra organizzazione sia da tempo impegnata contro ogni tipo di minacce e tentativi di infiltrazioni malavitose e nel contrastare ogni forma di delinquenza organizzata. La situazione economica è estremamente grave e la CNA con pieno senso di responsabilità continuerà a dar voce alle preoccupazioni e alle giuste rivendicazioni delle imprese associate nell’ambito di un democratico e civile confronto”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet