Trasferito al policlinico di Modena il parroco accusato d’omicidio


In collaborazione con Trc-TelemodenaMODENA, 26 DIC 2009 – Dall’ospedale di Baggiovara è stato trasferito ieri al Policlinico di Modena Don Giorgio Panini. Il sacerdote di Brodano, accusato di avere ucciso a coltellate l’amico 67enne Sergio Manfredini, che da anni lo ospitava nella sua casa di Vignola, si trova ora ricoverato presso la sezione carceraria del Policlinico. Nel corso dell’aggressione, infatti, Don Giorgio era stato colpito alla testa con un candelabro. Le sue condizioni di salute non destano preoccupazioni tanto che, a breve, il religioso potrebbe essere interrogato dal Pm Angela Sighicelli per chiarire quanto accaduto nella notte tra mercoledì e giovedì nella villa di via Cascinetto Due Ponti a Vignola. Sempre al Policlinico sono ancora ricoverati la moglie della vittima, Paola Bergamini, ed il figlio Davide. La donna, ferita al collo da una coltellata, è stata sottoposta la mattina della vigilia ad un delicato intervento chirurgico e si trova in prognosi riservata al reparto di rianimazione. Dovrebbe poter essere dimesso già tra qualche giorno, invece, Davide Manfredini. L’uomo, che la notte dell’aggressione era sceso nell’appartamento dei genitori richiamato dalle urla, è rimasto anch’egli ferito e si trova ora ricoverato presso il reparto di chirurgia della mano. Rimane ignoto il movente del delitto. Gli inquirenti non escludono al momento alcuna ipotesi, da quella passionale a quella economica.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet