Tragedia a Misano: è morto Shoya Tomizawa


RICCIONE, 5 SET 2010 – Shoya Tomizawa, 20 anni, pilota della Moto 2, è morto in seguito al terribile incidente avvenuto durante il Gran Premio di San Marino di Misano Adriatico. Pauroso l’incidente in cui ha perso la vita il giovane pilota giapponese. Nella variante del circuito Santa Monica di Misano, che si fa a pieno gas con le Moto2, Tomizawa è uscito fuori dalla pista, perdendone il controllo della moto: sbalzato via, il giapponese ha prima battuto violentemente sull’asfalto della pista, poi è stato colpito da Alex De Angelis che seguiva a gran velocità, e poi travolto in pieno dall’inglese Redding. Soccorso immediatamente dal personale medico della pista, le condizioni del pilota sono apparse subito disperate: Tomizawa era già in coma quando l’ambulanza lo portava all’ospedale di Riccione. Trasferito in elicottero d’urgenza a Cesena, Tomizawa è arrivato nel nosocomio romagnolo già morto per i traumi toracici, cranici e addominali. La morte di Tomizawa arriva dopo appena una settimana dal tragico incidente di Peter Lenz, il ragazzo di 13 anni morto a Indianapolis in una gara di contorno della Motogp. Tomizawa classe 1990, ha iniziato a correre nelle minimoto a soli tre anni e ha continuato fino al 1996 in modo amatoriale. Dal 1997 arrivano le prime affermazioni, Shoya vince da quell’anno 4 campionati nazionali. Dal 2005 inizia la sua carriera con le moto da gran premio nei trofei organizzati dalla Honda in Giappone. Dal 2009 è nel campionato del mondo, il suo debutto in classe 250 lo vede terminare l’anno in 17/a posizione. Con l’avvento della nuova classe di mezzo, la Moto2, Tomizawa si schiera quest’anno con il Team Cip Technomag, con il quale vince la prima gara dell’anno, divenendo il primo pilota ad arrivare al successo in Moto2 nel Gp del Qatar a Doha. Buona anche la seconda gara della stagione a Jerez de la Frontera in Spagna, dove il giapponese conquista un secondo posto. Settimo nel mondiale, nella gara di Misano Adriatico, lo schianto fatale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet