Tra Reggio e Carpi con Terra Mystica e Acquaragia Drom


REGGIO EMILIA, 11 AGO. 2010 – Il lungo programma della quindicesima edizione di Mundus si avvia alla conclusione e riserva per gli ultimi giorni dei colpi ad effetto. Giovedì 12 agosto, la rassegna si fa in 2 e raggiunge contemporaneamente la provincia di Reggio Emilia e quella di Modena. In Piazza Fontanesi, nell’ambito degli appuntamenti reggiani di Restate, si esibirà in prima nazionale il gruppo sloveno Terra Mystica, mentre in piazza Garibaldi a Carpi gli Acquaragia Drom replicheranno il loro spettacolo all’indomani della data di Novellara. Dunque ancora tanta musica che allieta ed anima le piazze, i palazzi e i cortili dei centri storici, coinvolgendo un pubblico che di sera in sera conferma l’alto grado di gradimento delle proposte musicali in grado sempre di coniugare bene sonorità italiane e straniere e culture di diversa provenienza. A Reggio Emilia il concerto si svolgerà con la collaborazione dell’Assessorato Progetti Speciali del Comune e sarà ad ingresso libero. Sul palcoscenico, alle ore 21.30, saliranno i Mystica nella loro formazione completa: Danijel Cerne a chitarra elettrica, sax, voce; Mitja Tavcar alla batteria; Damjan Grbac al basso elettrico; Petra Koprivec a tastiere e piano e Tinkara Kovac a voce e flauto. In caso di maltempo il concerto si svolgerà sotto il portico di Piazza Casotti. Il progetto artistico-musicale del gruppo Terra Mystica nasce, grazie al contributo diretto del chitarrista e compositore Daniel Cerne-Mystica, nel 1995 in Slovenia. Il loro primo album, "Carsica", fu un grande progetto multimediale, un lavoro concettuale sul paesaggio mozzafiato di Karst nella Slovenia meridionale. Molte persone vi furono coinvolte: ballerini, programmatori, personale tecnico e oltre una decina di musicisti coi loro diversi strumenti musicali  (classici, folk e rock). La musica poliedrica spaziava dal sinfonico al rock progressivo e al classico. Per il suo essere assolutamente non convenzionale all’inizio l’album non riscosse l’interesse  delle case discografiche slovene e fu così che venne autoprodotto con l’aiuto dell’etichetta Racman. La proposta di collaborazione da parte del gruppo fu però inviata a editori internazionali indipendenti. Prima a rispondere fu l’etichetta Cranium Music dalla Nuova Zelanda e Terra Mystica fece il suo salto di qualità. Il cd divenne subito l’album del mese della Cranium e venne venduto in tutto il mondo. Questo successo internazionale incrementò l’interesse nei confronti del gruppo anche in Slovenia e fu così che nel 1998, nel proprio Paese fu candidato al premio musicale “Gallo d’oro” in sei categorie conquistandone ben due! In seguito Daniel Cerne, insieme al clarinettista Bostjan Gombac, furono invitati ad esibirsi in una tournèe in Nuova Zelanda. In questa occasione ebbero modo di incontrarsi e suonare con musicisti neozelandesi. Da questa esperienza, trassero ispirazione per creare un nuovo gruppo: Terrafolk, specializzato in musica folk di diverse parti del mondo (soprattutto Balcanica e Celtica), che successivamente vinse trofei al Festival di Edimburgo e il Premio per la World Music della BBC. L’atteso secondo album di Terra Mystica "Axis" fu pubblicato da Nika Records nel 2002. Il concetto base di questo album è incentrato sul ruolo simbolico dell’albero, considerato come elemento paradigmatico del mondo (Axis Mundi). La musica, ancora una volta molto eclettica e diversificata grazie ad un’intrigante combinazione di musicisti e di stili, presenta elementi di musica istriana e di altra musica tradizionale combinata con  classica, rock ed elettronica e con liriche in lingua Inglese e Slovena. Nel 2010 continua l’impronta sperimentale della band, ancora sotto l’egida di Daniel Cerne. Terra Mystica è alle prese con  nuovi arrangiamenti di canzoni del secondo album e nuove composizioni e si esibisce regolarmente dal vivo assieme a 50 membri dell’orchestra di fiati di Divača. Che giovedì allieteranno tutta Reggio Emilia. E’ a ingresso libero, e sempre alle 21.30, anche l’appuntamento carpigiano che vede gli Acquaragia Drom esibirsi in Piazza Garibaldi con gli stessi musicisti che sono saliti sul palco la sera prima a Novellara: Elia Ciricillo a voce, chitarra, tamburelli e ballo; Rita Tumminia a organetto, voce e ballo; Erasmo Treglia a violino, tromba de’ zingari e ciaramella e Marcus Colonna a clarinetto e clarinetto basso. Con questa seconda data, anche i modenesi potranno ascoltare i brani del loro utimo album “Rom Kaffe”, una miscela speciale di musica vibrante ed ironica, di sicuro coinvolgimento, che tra un saltarello molisano e un unza unza di stile balcanico, tra una serenata sinti e uno standard rock and rom di profumo contadino, continua a proporre l’originale aroma zingaro italiano.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet