Torna lo Zecchino, “dove i bambini sono bambini”


BOLOGNA, 12 NOV. 2010 – Sono ormai 53 anni che, poco prima di Natale, i bambini di tutta Italia si danno appuntamento davanti alla tv. I più fortunati, invece, si ritrovano all’Antoniano di Bologna, dove possono seguire dal vivo lo Zecchino d’Oro, la rassegna canora per l’infanzia in cui sono nate canzoni conosciute da grandi e piccini, come "Quarantaquattro gatti", "Popoff" o "Le tagliatelle di Nonna Pina". Lo Zecchino torna puntuale anche in questo autunno 2010, dal 16 al 20 novembre, e decide di togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Sì, perchè proprio in questi mesi i bambini sono stati protagonisti del piccolo schermo, in due trasmissioni fotocopia – targate Rai e Mediaset – che sono state accusate di stravolgere il loro ruolo facendoli scimmiottare e trattandoli da adulti."Qui i bambini sono trattati da bambini, non come mostri da circo – ci si affretta a precisare presentando la nuova edizione – A questo principio la manifestazione tiene fede da anni è per questo che sono contento di essere sul palco dell’Antoniano". A parlare è Pino Insegno, conduttore dello Zecchino d’Oro 2010 insieme a Veronica Maya, "fata turchina" dell’Antoniano ormai da cinque anni.Saranno dodici le canzoni in gara, di cui otto italiane e quattro straniere, provenienti per la precisione da Azerbaijan, Giappone, Filippine e Polonia. Verranno eseguite da tredici interpreti che hanno tra i 4 e gli 11 anni e sono stati scelti tra 4000 partecipanti alle selezioni. Li accompagnerà, come sempre, il Piccolo Coro Mariele Ventre dell’Antoniano diretto da Sabrina Simoni.Mancherà invece, per il secondo anno, Cino Tortorella, punto fermo dello Zecchino fino a quando, nel 2009, ha fatto causa a frate Alessandro Caspoli. "Una situazione spiacevole – ha osservato il direttore dell’Antoniano – Cino ha sempre portato un contributo fondamentale". Anche Insegno lo ha ricordato: "sognavo di fare questo programma dai tempi di Mago Zurlì – ha detto – cercherò di travestirmi anch’io per dare un senso al mio essere Peter Pan".Per il resto, si rispetterà la tradizione. Prima di tutto per quel che riguarda l’appuntamento, che andrà in diretta su Raiuno dal 16 al 20 novembre. Da martedì a venerdì lo Zecchino andrà in onda dalle 17 alle 18.45, sabato invece, in occasione della finale, si partirà 17.15 per arrivare fino alle 20. Si potrà televotare, seguire la garasu Facebook e Twitter e, per i non udenti, saranno attivi i sottotitoli alla pagina 777 del televideo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet