Torna Buy Emilia Romagna


Ventesimo compleanno per il “Buy Emilia Romagna”, la Borsa del Turismo regionale che ha visto coinvolti, dalla prima edizione a oggi, 3.000 buyer (di 49 paesi) e più di 2.500 operatori turistici regionali che hanno reso possibile oltre 50.000 incontri d’affari. In questi vent’anni sono stati organizzati, con i buyer presenti nelle diverse edizioni, oltre 250 educational tour che hanno fatto conoscere tutte le eccellenze turistiche regionali. Il più importante e qualificato evento per la commercializzazione dell’offerta turistica regionale si terrà a Bologna dal 27 aprile all’1 maggio e, a pochi giorni dall’apertura dell’Expo di Milano, vedrà presenti quest’anno un centinaio di buyer internazionali provenienti da 23 paesi: Austria, Germania, Regno Unito, Svezia, Norvegia, Danimarca, Olanda, Belgio, Francia, Spagna, Portogallo, Italia, Lituania, Lettonia, Polonia, Russia, Turchia, Corea del Sud, Canada, Stati Uniti, Brasile, oltre a Messico ed Israele, le new entry di questa edizione. Per questa edizione, il 77% dei buyer internazionali proviene dal mercato Europeo (tra cui 7 T.O. dal Regno Unito, 5 dalla Germania e 5 dalla Russia), il 22% da Nord e Sud America (tra cui 12 buyer degli Stati Uniti), e l’1% dal mercato asiatico. Elevato come sempre il turn over dei buyer presenti (il 65% partecipa quest’anno per la prima volta), che ha contribuito in questi 20 anni a confermare il Buy Emilia Romagna come un laboratorio per intercettare i flussi del turismo internazionale, anticipare le tendenze della prossima stagione turistica, e promuovere presso i mercati esteri le novità dell’offerta turistica regionale. Anche quest’anno l’evento, promosso da Confcommercio-Imprese per l’Italia dell’Emilia Romagna e dalle Federazioni regionali del turismo (Faita, Federalberghi, Fiavet, Fipe) in collaborazione con Apt Servizi e con il patrocinio di Enit – Agenzia Nazionale del Turismo, conferma il suo legame privilegiato con la Città di Bologna, da sempre sede della Borsa turistica, attraverso il coinvolgimento di Genus Bononiae. Musei nella Città, di Bologna Welcome e, da quest’anno, di F.I.C.O. Eataly World. La classifica dei prodotti turistici regionali più richiesti dai buyer presenti vede quest’anno al primo posto, a pari merito con il 78% delle preferenze, proprio enogastronomia e Città d’Arte, seguiti da cultura, arte e storia (58%), mare (49%), benessere (49%), musica e teatro (42%), turismo rurale (42%), eventi speciali (40%), incentive (31%), montagna (28%) e natura (25%). Interesse anche per fiere e business (21%), congressi (19%), golf (18%) e sport (13%) e per il turismo religioso. Dopo il briefing di accoglienza dei buyer – che si terrà la sera di lunedì 27 aprile presso la sede della Biblioteca Salaborsa a Bologna – il programma prevede per i buyer, tra martedì 28 e mercoledì 29 aprile, sette educational tour bi-giornalieri in regione. Gli educational presenteranno ai buyer le eccellenze turistiche regionali valorizzate dal Progetto “Via Emilia-Experience The Italian Lifestyle” messo a punto da Apt Servizi per l’Expo: dalla cultura alla Food Valley, dai siti Patrimonio Unesco alla Riviera, dalla Wellness Valley alla vacanza attiva, dalla musica ai grandi brand della Motor Valley. Giovedì 30 aprile si svolgeranno a Bologna (presso Palazzo Re Enzo) i due workshop dedicati alla contrattazione, cuore dell’evento, ai quali interverranno una settantina di operatori turistici regionali. In mattinata avrà luogo la Borsa Turistica con un’agenda personalizzata di appuntamenti per i partecipanti e, nel pomeriggio, si svolgerà (in collaborazione con Apt Servizi) un workshop dedicato al Turismo enogastronomico dell’esperienza. La serata conclusiva per i buyer si terrà il 30 aprile presso il Mercato di Mezzo di Bologna, e vedrà il coinvolgimento di F.I.C.O. Eataly World. E il 1° maggio i tour operator potranno prolungare ancora il loro soggiorno per visitare l’Expo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet