Terremoto e costi della politica: fiducia al Governo


©TrcMODENA, 8 NOV. 2012 – La Camera ha votato oggi la fiducia posta dal Governo sul decreto legge sui costi della politica, recante disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamento degli enti territoriali, nonché ulteriori disposizioni in favore delle zone terremotate dell’Emilia Romagna. Tra chi non ha accordato la fiducia all’Esecutivo c’è la parlamentare modenese del Pdl Isabella Bertolini, che lamenta come nel provvedimento non tutto sia stato accolto e come, in particolare, siano state lasciate non risolte parti importanti che avranno effetti molto duri su popolazioni che stanno vivendo grandi difficoltà. Se, infatti, il pagamento dei tributi è stato sospeso fino al 30 giugno 2013, altrettanto non si può dire per i contributi previdenziali, la cui scadenza rimane il 16 dicembre. Per questo anche i deputati modenesi del Pd hanno già annunciato che non voteranno il provvedimento. “Restano da affrontare la mancata inclusione dei benefici fiscali per i professionisti così come per le aziende che hanno avuto un danno al reddito d’impresa e per i lavoratori che non potranno godere la cessione del quinto dello stipendio per i contributi previdenziali ed assistenziali – sottolineano i deputati – Riteniamo dunque, per la rilevanza di queste carenze, di non poter esprimere un voto favorevole al provvedimento”. Intanto oggi le associazioni economiche modenesi hanno incontrato il Prefetto esprimendo forte preoccupazione per la situazione che dovranno affrontare le popolazioni ed il tessuto economico dell’area del sisma. “Senza provvedimenti circa la proroga per tutti i versamenti erariali – è l’allarme lanciato dalle associazioni – si rischiano tensioni sociali”. L’approvazione definitiva del testo sui costi della politica è attesa per martedì della prossima settimana. Il provvedimento passerà poi all’esame del Senato.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet