Terim, firmato l’accordo sulla cassa integrazione


REGGIO EMILIA, 28 FEB. 2012 – Un anno di cassa integrazione straordinaria per i 192 lavoratori della Terim di Rubiera. Stesso ammortizzatore sociale anche per tutti i 193 dipendenti di Baggiovara, stabilimento nel quale in precedenza erano in 99 ad essere in cassa. E’ il risultato dell’accordo sottoscritto ieri a Bologna tra Regione Emilia-Romagna, Provincia di Reggio Emilia e Modena, Rsu dei due stabilimenti, Fiom-Cgil di Reggio Emilia e Modena, Fim-Cisl e Uilm-Uil di Modena e rappresentanti sindacali aziendali."Questi accordi sottoscritti in Regione hanno lo scopo di sostenere i lavoratori e l’azienda che sta vivendo un momento difficile dal punto di vista economico e finanziario – osserva il vicepresidente della Provincia di Reggio Emilia, Pierluigi Saccardi -: mediante l’utilizzo degli ammortizzatori sociali ci auguriamo si creino le condizioni per la salvaguardia dei posti di lavoro e dei siti produttivi di Rubiera e Baggiovara. Nel frattempo siamo disponibili come Provincia anche a prendere in considerazione proposte di politiche attive sia per l’azienda sia per i lavoratori".Nel dettaglio, spiega una nota della Regione, vi sarà un anno di cassa integrazione straordinaria per i 192 lavoratori dello stabilimento Terim di Rubiera ed una estensione fino ad aprile a tutti i 193 lavoratori dello stabilimento di Baggiovara della cassa in deroga, ammortizzatore che era già stato attivato, nei mesi scorsi, per 99 addetti. L’azienda, che produce elettrodomestici per cucine – prosegue la nota – non ha possibilità di anticipare il trattamento di integrazione salariali alle normali scadenze e chiederà il pagamento diretto all’Inps. Durante il periodo di cassa integrazione straordinaria, "le parti si incontreranno periodicamente per verificare l’andamento ed eventuali necessari correttivi dell’ammortizzatore nonché la messa in sicurezza della situazione finanziaria".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet