Telecamere ai semafori, comitati anti T-Red riuniti a Parma


PARMA, 1 MAR – Si sono riuniti oggi a Parma gran parte dei comitati, soprattutto del nord d’Italia, che lottano contro il ‘T-Red’, il sistema semaforico che rileva le infrazioni della strada e che ha scatenato polemiche, multe a raffica e una inchiesta della Procura di Verona. I comitati hanno aperti numerosi contenziosi con le circa 80 amministrazioni comunali che si sono servite del ‘semaforo killer’ ed ora sono pronti a costituirsi parte civile nell’eventuale processo contro gli ideatori del sistema."Vogliamo essere presenti anche in tribunale per tutelare i diritti di coloro che sono stati colpiti ingiustamente – ha spiegato Luigi Ugone, uno dei leader dei comitati – Le ultime vicende giudiziarie ci hanno ancor di più convinti che è doveroso proseguire la battaglia contro le amministrazioni che si sono mostrate sorde alle proteste dei cittadini"."Chiediamo inoltre al governo che si muova in tempi rapidi per predisporre una legge che regolamenti tutto il sistema – ha concluso Ugone – Non deve essere più possibile utilizzare dei dispositivi senza che rispondano a requisiti certi ed affidabili".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet