Tecnargilla, tecnologia ceramica in mostra


Prenderà il via lunedì Tecnargilla, la fiera dedicata alla macchine per ceramica. Fino al 26 settembre saranno numerose le aziende attive nella fornitura di macchine, tecnologia e attrezzature per l’industria ceramica e del laterizio ad esporre nella ventiquattresima edizione della fiera riminese.

 

Tra queste la LB, che presenterà Freestile, il nuovo processo tecnologico messo a punto dall’azienda, che “propone – dicono dall’azienda – un nuovo concetto di colorazione polveri “just in time”, denominato Easy Color Boost, che permetterà di snellire sensibilmente i layaout produttivi in ceramica, aumentando efficienza e flessibilità nella produzione di gres porcellanato tecnico. Tecnargilla rimane per noi la fiera leader al mondo. L’input dei clienti è chiaro: il “Made in Italy” visto sia come prodotto ceramico finito sia come impianti e macchine per ceramica rappresenta ancora il punto di riferimento. In questo senso l’abbinamento tra Cersaie e Tecnargilla è fondamentale e la contemporaneità dei due eventi è sicuramente un punto di forza”.

 

E ancora. Tra gli espositori la Cefla che, con i suoi 30 anni di esperienza nel campo dell’efficienza energetica e della cogenerazione, in collaborazione con Sacmi, rappresenta per l’industria ceramica, un solution provider specializzato. Cefla, infatti, è attiva nel settore degli impianti di produzione energia, cogenerazione e trigenerazione, sistemi per il recupero di calore da processi industriali, sistemi di trattamento aria e depurazione da polveri e manutenzione, global service tecnologico e servizi di valutazione del rischio. Sono 400 i mwe installati, 300 mwe con contratti di servizio e 24 impianti di cogenerazione installati nell’industria ceramica. Cefla sarà presente presso lo stand di Sacmi.

 
L’innovazione sui grandi formati sarà portata all’attenzione dei visitatori, invece, da FlagSam, che propone Cerlap Zeta, la nuova linea resinoide diamantata per offrire un’alta qualità di lappatura sulle innovative lastre ceramiche a grande formato, oltre che sui grés di tipologia lamina. “Cerlap Zeta – dicono dall’azienda – si presenta con un disegno ed una formulazione studiati appositamente per offrire il meglio su queste nuove tipologie di materiali. Un’ottima soluzione con la quale si elimina, da un lato, il rischio di rotture dell’utensile e, dall’altro, quello di segni e bruciature sulla superficie delle lastre”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet