Tecnargilla, boom visitatori da Cina, Turchia, Spagna e India


È di nuovo record di internazionalità per Tecnargilla. L’edizione 2016 della fiera leader mondiale per le tecnologie applicate all’industria ceramica e del laterizio, che ha chiuso i battenti lo scorso settembre, ha registrato presenze da oltre 122 Paesi.

Dei 16.764 visitatori esteri totali (oltre il 50% del totale), il 34% è arrivato dall’Asia (34%) il 30% Unione Europea, il 14% dall’Europa Extra UE, l’11% dal Centro e Sud America, l’8% dall’Africa. Presenti anche visitatori provenienti da Nord America e Oceania.

I Paesi che hanno fatto registrare il maggior numero di presenze sono stati nell’ordine Cina, Spagna, Turchia, seguite da Iran, Russia, Germania, e Brasile.

Di assoluto rilievo il profilo dei visitatori, tra cui decision maker di area tecnica, rappresentanti della proprietà o top management dalle maggiori aziende mondiali del settore ceramico e del laterizio.

Indicativa anche l’affluenza dei visitatori italiani, con 16.631 presenze da tutte le Regioni, tra cui Emilia Romagna, Lombardia e Veneto sul podio. Si tratta di un importante indicatore sulla percezione del settore e sull’influenza della fiera all’interno degli stessi confini nazionali.

Tecnargilla è la più importante fiera al mondo per la fornitura all’industria ceramica e del laterizio. Organizzata da Acimac (Associazione Costruttori Macchine Attrezzature per la Ceramica) e Rimini Fiera, la manifestazione propone, ogni due anni, il meglio dell’innovazione estetica e di processo per il settore, ospitando in fiera tutte le maggiori aziende e attirando a Rimini un elevato numero di buyer internazionali. Tecnargilla è infatti stata anche nell’edizione 2016, la fiera più visitata dagli operatori internazionali: 16.764 (+6,3 sul 2014) buyer staranieri su un totale di 33.395 visitatori (+4% sul 2014). Tecnargilla 2016 ha ospitato 500 espositori (di cui il 40% provenienti da circa 25 nazioni) su un’area di circa 80.000 mq (+7% sull’edizione 2014) suddivisa in quattro sezioni espositive.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet