Techboard si rafforzacon la triestina Syac


MODENA, 3 DIC. 2012 – “Abbiamo unito le forze per creare nuove sinergie: quelle tra il circuito stampato e il sistema di cui sarà anima. Un’operazione che amplierà il nostro ambito d’azione a nuove opportunità di crescita”. Le parole di Fabio Malagoli sono a coronamento dell’acquisizione nei giorni scorsi da parte di Techboard – solida realtà modenese operante nel settore dei circuiti stampati – dell’azienda triestina SYAC, leader mondiale nei sistemi di videosorveglianza. Un investimento decisamente in controtendenza se considerato il periodo di difficoltà economiche attraversato anche a livello locale.   La SYAC è stata anzitutto un’azienda pionieristica nei sistemi di sicurezza intelligenti. Sorta nel 1988 a Trieste, si pone oggi come riferimento nazionale e internazionale per i sistemi di sicurezza. La sua presenza, con società proprie tra l’altro, è riscontrabile: negli Stati Uniti, Inghilterra, Messico, Brasile, Lituania, Ucraina. Se a questi paesi si aggiungono quelli nei quali Techboard è già operativa e consolidata realtà – e cioè India, Cina, Tunisia – si configura il ‘disegno’ a vocazione globale che ha contribuito a dare vita al progetto.Oltre a rappresentare un risultato importante, questa acquisizione segna l’entrata di Techboard sul mercato globale della Sicurezza Elettronica di alto livello. Aggiungendo ad esso un mix di tecnologie innovative ed utili a sviluppare nuovi prodotti in settori a Techboard oltretutto non totalmente sconosciuti: molti dei clienti e partner dell’azienda modenese sono infatti già operativi nell’ambito della sicurezza. “Molte le sinergie che deriveranno da questa acquisizione – ha poi aggiunto Malagoli – Agli ingegneri triestini, dato che il centro R&D dei prodotti SYAC rimarrà nel capoluogo Giuliano, sarà affiancato un team di ingegneri indiani, per il tramite di Techboard PCB Engineering Private Ltd, nostra società di diritto indiana, la quale fornirà al gruppo sia i servizi amministrativi che quelli finanziari e logistici”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet