Tassa sui passi carrai per finanziare gli eventi


con la collaborazione di Teleromagna 15 GEN. 2009 – Una tassa di scopo sui passi carrai di imprese e punti vendita per finanziare i grandi eventi, come la notte Rosa o la diretta televisiva di fineanno. E’ quanto annunciato dall’amministrazione comunale di Rimini. L’iter per la nuova tassa è già in fase avanzata, essendo già stata approvata dalla commissione comunale competente. Una ulteriore gabella, che pur avendo uno scopo ben chiaro, sta provocando la reazione negativa di buona parte del mondo del commercio locale. E’ il caso della Confcommercio che critica il metodo usato. Nello scorso autunno si è convocato un tavolo per discutere l’argomento, sostiene l’associazione, ora, però arriva una soluzione decisa dall’alto e senza alcun confronto. Ma il rilievo più importante riguarda il fatto che la soluzione adottata costringerà tutto il mondo del commercio riminese che possiede un passo carraio a pagare obbligatoriamente, senza alcuna distinzione e coinvolgendo anche attività ben poco interessate alle iniziative promozionali che verranno finanziate con la nuova tassa, mentre altre, come ad esempio i bagnini, i cui stabilimento non possiedono passi carrai, saranno esentati dall’obolo, pur traendo sostanziosi e diretti vantaggi da iniziative come la notte rosa. Inoltre Confcommercio invoca anche una sorta di regia condivisa sulle manifestazioni da finanziare e non è detto, precisa l’associazione, che debbano essere solamente i grandissimi eventi e i dati auditel a fare da discriminante, in quanto anche altre iniziative, seppur più piccole, sono in grado di dare benefici al territorio e la tessuto produttivo e dunque meritevoli di sostegno economico.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet