Tares, Tobin e Invie:anno nuovo, tasse nuove


©TrcMODENA, 2 GEN. 2013 – Anno che inizia, tariffa che aumenta. Sembra paradossale ma anche stavolta i primi rincari che spengono la speranza di un anno migliore arrivano lì, mentre ancora ci abbracciamo l’un l’altro augurandoci un 2013 migliore. Altro che speranza: quando si parla di tasse l’illusione positiva dura poco, pochissimo, e basta un risveglio per scoprire già i primi aumenti a carico delle nostre tasche. E passi che Monti se l’è scritto in nota: abbassare le tasse di un punto. Per ora questo fresco 2013 ha portato nuove imposte, tre per la precisione, i cui nomi suonano come gli eroi cattivi delle saghe fantasy: Tares, Tobin e Invie. La loro azione fa lievitare la pressione fiscale fino al 45,3%. La prima assorbirà la Tarsu e la Tassa di Igiene Ambientale, scade ad Aprile e, calcolata sulla base della grandezza dell’immobile, sarà a carico del residente. Della Tobin tax, quella sulle transazioni finanziarie, già si è detto: sarà da pagare dal 1° Marzo e sarà pari allo 0,22%. L’Invie, infine, colpisce i proprietari di immobili all’estero che pagheranno il 7,6 per mille con effetto immediato. Tra i rincari immediati anche quelli per gas, dell’1,7% per 22 euro annuali, da attribuire all’aggiornamento delle tariffe di distribuzione, misura, trasporto e stoccaggio. Rincari anche per i pedaggi autostradali, per cui le società chiudono dall’1 al 14% in più: in media si parla di 3,9% di aumento sulle tratte autostradali richiesti dalle concessionarie su cui ora si attende il via libera del ministero delle infrastrutture. Sulla A22 l’aumento medio si aggira sull’1,21%. Cala invece il costo dell’energia elettrica, unica voce, per la quale si spenderà l’1,4% in meno: un risparmio da 7 euro all’anno per cui dovremo ringraziare i ribassi del prezzo all’ingrosso. L’Autorità per l’Energia ha però provveduto ad aggiornare i valori dei bonus per le famiglie a basso reddito e numerose ed è stato rinnovato il meccanismo del bonus elettrico per disagio fisico.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet