Tarallucci e indiscrezioni. A cena con Patrizia D’Addario


REGGIO EMILIA, 15 FEB. 2010 – Se sarà tra gli ospiti che saliranno sul palco di Sanremo ancora non si sa. Di certo al festival Patrizia d’Addario non ci andrà mercoledì prossimo, 17 febbraio, giorno del suo compleanno. Per quella serata la escort più famosa d’Italia ha deciso di spegnere le sue candeline al circolo Fuori Orario di Taneto di Gattatico dove presenterà il libro "Gradisca, presidente", scritto con la giornalista Maddalena Tulanti. A intervistare la D’Addario ci sarà Peter Gomez, una delle firme de "Il Fatto Quotidiano". Il format dell’incontro è ormai quello classico della cena, con tanto di menù con specialità pugliesi. Il primo prevede orecchiette alle cime di rapa, a seguire la caponata pugliese con crostini. Tra una portata e l’altra si discuterà delle misteriose notti della D’Addario a Palazzo Grazioli con Silvio Berlusconi. Questo ed altri episodi sono raccontati in "Gradisca, presidente", in cui Patrizia D’Addario racconta i fatti come sono andati secondo il suo punto di vista. Che è il punto di vista, la voce di una donna su cui è già stato detto di tutto e di più: e che, perciò, non ha nulla da perdere. Patrizia D’Addario non è una escort. E molto di più. Una ragazzina del Sud di straordinaria bellezza, che ben presto conosce il dolore e le tragedie familiari. Il suicidio del padre, solo l’ultimo dei drammi che segnano la sua gioventù. suo corpo che diventa per lei colpa e riscatto: modella, poi accompagnatrice e infine escort. Fino all’incontro che le cambierà la vita. Il mecenate, il principe azzurro, il sultano: Silvio Berlusconi. Il cuore di questo libro-verità è la relazione con il premier, che per la prima volta la D’Addario racconta dal suo punto di vista di donna, svelando le emozioni, le ansie e le speranze nate dall’incontro con l’uomo più potente d’Italia.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet