Svelata la nuovaMaserati Quattroporte


MODENA, 15 GEN. 2013 – E’ più grande, più leggera e più lussuosa. Qualche anticipazione, alcune certezze e una promessa importante – il cuore del Tridente resterà a Modena, nella motor valley emiliana – avevano già mostrato il nuovo volto dell’ammiraglia e le prospettive legate alla nuovissima Quattroporte, che con i suoi 307 km orari di velocità massima, è una Maserati che può competere con la maggior parte delle supercar a due porte. E’ stata svelata a Detroit, al salone dell’auto, da Harald Wester, l’amministratore delegato del tridente. La Quattroporte di sesta generazione compie un balzo in avanti ed è, allo stesso tempo, una vettura tecnologicamente pronta a dare assalto al mercato e una Maserati fedele alle tradizionali caratteristiche delle berline sportive di lusso del Tridente. Motore potente e abitacolo spazioso: sono due elementi cardine del design della Quattroporte. La famiglia di motori a iniezione diretta si compone di un V8 da 3,8 litri e di un V6 da 3,0 litri. Questi due nuovissimi propulsori sono dotati di sovralimentazione twin turbo e sono stati progettati da Maserati Powertrain e assemblati dalla Ferrari a Maranello. La Quattroporte è equipaggiata con un cambio automatico a otto marce e grazie alla trazione posteriore o integrale, è anche l’auto che garantisce, nell’intera storia di Maserati, le prestazioni più sicure in tutte le condizioni meteo. Prestazioni brillanti ma anche una riduzione nei consumi e nelle emissioni del 20% rispetto alla precedente Quattroporte. La Quattroporte, spiega Maserati, è prodotta in un nuovo stabilimento – a Grugliasco, nel Torinese – in cui la tradizionale lavorazione artigianale di Maserati è affiancata dall’utilizzo di tecnologie all’avanguardia che sono in grado di garantire una qualità eccellente grazie al controllo anche dei minimi dettagli. Ma il cuore resta a Modena. Anche l’abitacolo è arricchito da dettagli lavorati artigianalmente. Aumenta inoltre l’offerta di spazio per tutti i passeggeri, nelle configurazioni a quattro e cinque posti. Lusso, tradizione ma anche tecnologia, con il display Maserati Touch Control, le telecamere per la retromarcia il WiFi e al compatibilità con i più moderni cellulari. Se con la Quattroporte originale del 1963, il Tridente inventò il concetto di berlina sportiva di lusso, oggi la storia si ripete: Maserati, con questo nuovo gioiello, vuole diventare il punto di riferimento in termini di engineering di alta qualità, prestazioni da supercar e comfort da berlina. La parola, dopo la cerimonia di Detroit, passa ora alla strada e ai clienti; per la nuova Quattroporte si deve mettere in preventivo un investimento di circa 150mila euro. Maserati, intanto, ha chiuso il 2012 con 6.307 auto vendute nel mondo, registrando così una crescita del 2,2% rispetto al 2011. I tre mercati principali sono il Nord America (Stati Uniti e Canada) con 2.892 auto vendute (46% del totale), la Cina con 930 unità (15%) e il Giappone con 294 auto (5%). I risultati hanno superato le aspettative soprattutto negli Stati Uniti dove il Tridente ha regostrato nel 2012 un +17,3%. Di fatto, dal 2009 Maserati ha raddoppiato le vendite in Nord America. E sarà questo uno dei mercati di riferimento per la nuova Quattroporte.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet