Sui ticket l’Emilia-Romagna non esclude ricorso alla Consulta


5 AGO. 2011 – Non escludono il ricorso alla Corte costituzionale contro la previsione del ticket nella manovra del Governo, le tre Regioni italiane (Toscana, Emilia-Romagna e Umbria) che non accettano di applicare il ticket così come previsto dalla manovra stessa e stanno quindi mettendo mano ad una sua rimodulazione basata principalmente sulle fasce di reddito e sul principio dell’equità fiscale. A confermare l’intenzione delle tre Regioni di un eventuale ricorso alla Consulta, l’assessore alla sanità dell’Umbria, Franco Tomassoni, nella conferenza stampa in cui ha illustrato la delibera approvata stamani dalla giunta umbra per la rimodulazione del ticket (che il Governo valuterà in un incontro fissato per il 30 agosto prossimo). "Nel contempo – ha reso noto l’assessore umbro – le tre Regioni stanno anche approfondendo la questione da un punto di vista tecnico, con delle osservazioni che verranno sottoposte ai ministeri della salute e delle finanze e che riguardano la reale applicabilità, in corso d’anno, di una misura come quella del ticket che va ad incidere sulla ripartizione, già decisa, delle quote del fondo sanitario nazionale".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet